Tags Posts tagged with "ufficio cremazioni nerviano 0331 587382;"

ufficio cremazioni nerviano 0331 587382;

540

Stanno arrivando le vacanze estive, e come sempre si tratta di un momento particolarmente difficile per chi ha perso una persona cara e si trova immerso nel dolore. Quest’anno, chi ha perduto un congiunto a causa del Covid o durante il Covid, ha un peso ulteriore da sopportare, l’angoscia di non aver potuto accompagnare, salutare, celebrare le vite concluse, o purtroppo talvolta spezzate, con riti funebri degni di tale nome. Abbiamo già scritto molto a tal proposito su questo blog.

Ma vogliamo rivolgere il pensiero anche a quei lutti che nella nostra società sono meno riconosciuti o non sono riconosciuti affatto.

Esiste infatti, in ogni cultura, una sorta di gerarchia della gravità dei lutti, stabilita in funzione dell’importanza attribuita a ogni relazione. Siamo naturalmente, nell’ambito delle norme non scritte, e anche non dette, che tuttavia condizionano gli individui. Per fare un esempio, nel Seicento – quando la mortalità infantile era molto elevata e la rilevanza della famiglia di origine molto forte (la famiglia non era ancora nucleare) – la perdita di un bambino entro i dieci anni era considerata un evento avverso ma tollerabile; oggi, in una società in cui si fanno pochi figli e la mortalità infantile si è fortunatamente quasi azzerata, la morte di un bambino è vissuta come l’esperienza più insopportabile che si possa attraversare. Non si tratta solo di affermare che il dolore per la perdita di un figlio non era espresso nel Seicento, mentre può essere manifestato ai giorni nostri. È proprio la percezione del dolore che è diversa, perché, come è spiegato nel bel libro di David Le Breton, Antropologia del dolore, tale percezione non è né universale né atemporale: anzi, è culturalmente determinata.

Ora, la nostra società, fondata sulla famiglia ristretta, considera lutti gravi e gravissimi la perdita dei figli e dei coniugi, dei genitori (specie se avviene quando i figli sono ancora giovani), dei fratelli e delle sorelle, e legittima emozioni di grande dolore per questi lutti.

Invece, ritiene che la morte di una persona al di fuori di questa cerchia di “soggetti importanti” nella nostra vita non dovrebbe dar luogo allo sviluppo di un vero e proprio lutto, inteso come quell’insieme di processi psicologici, consci o inconsci, suscitati dalla perdita di una persona amata (così Bowlby definiva il lutto).

Il lutto per i nonni è il primo ad essere misconosciuto nella nostra cultura. Si cerca di proteggere i bambini dal dolore della perdita, e si mente frequentemente sulla morte dei nonni. Una morte che viene sovente dapprima occultata (non si permette ai bambini di dare un ultimo addio e non li si porta ai funerali) e poi sottovalutata, da genitori che spesso non sono in grado di sostenere il dolore dei bambini. E si tratta di una trascuratezza che può dare esiti problematici, specialmente quando la relazione con i nonni era stretta e quotidiana. I bambini si trovano così ad affrontare da soli la perdita dei nonni, con un malessere che non riescono a interpretare. In questi mesi, con la morte di molti anziani per Covid 19, abbiamo perso molti nonni. È importante non nascondere l’accaduto ai bambini, non dissimulare il proprio dolore: facendolo, si impedisce ai bambini di riconoscere e processare la propria sofferenza.

Anche la perdita di un amico si inscrive nel novero dei lutti poco riconosciuti: per quanto stretta sia stata la relazione amicale, la perdita non gode dello stesso riconoscimento di quella di un membro della famiglia. Ben diversa era la considerazione della perdita di un amico nella cultura greca e romana, ad esempio, dove l’amicizia godeva di uno status di particolare importanza. Si pensi all’Etica Nicomachea di Aristotele, due libri della quale sono dedicati all’amicizia; o al De Amicitia di Cicerone, opera nella quale Lucio tollerava la morte dell’amico Scipione solo in nome della memoria: “mi godo il ricordo della nostra amicizia, così che mi sembra d’aver vissuto felicemente, perché sono vissuto con Scipione, col quale ho condiviso le cure pubbliche e private, col quale ho avuto in comune la casa e la vita militare, e, cosa in cui è tutta l’essenza dell’amicizia, il massimo accordo delle volontà, delle propensioni, delle opinioni.”

Un altro lutto non ancora del tutto culturalmente accolto è quello della cosiddetta “morte perinatale”, la morte del feto o del neonato: è un tema delicato, di cui talvolta abbiamo parlato in questo blog. Accade ancora che i ginecologi, le ostetriche, in generale i curanti che stanno intorno alla donna che ha perso il figlio minimizzino, e dicano: “ma lei è giovane, può farne un altro”. Lentamente, sta emergendo un altro tipo di comportamento, che prevede la sepoltura del bambino morto, e interpreta la perdita perinatale come lutto. Ma è una sensibilità ancora poco diffusa. Erika Zerbini, una mamma che ha deciso di occuparsi di lutto perinatale a partire dalla propria esperienza, afferma in un’intervista : “Molto raramente si hanno le parole per poter spiegare questo tipo di lutto e quasi mai si hanno le parole legate alla morte. Non ci viene mai detto: “tuo figlio è morto”. Ci viene detto: “il battito non c’è più”. Le parole sono importanti per identificare chiaramente quale sia la situazione e per poter mettere in atto quelle dinamiche utili ad accettarla. Le faccio un altro esempio: il parto del nostro bambino morto viene chiamato “espulsione”.

L’esempio più eclatante di lutto non riconosciuto è la morte dell’amante, etero od omosessuale, in quanto i legami clandestini non godono di quel riconoscimento sociale che è essenziale, essendo gli umani animali sociali, per rielaborare la perdita e condividere il dolore. Una relazione non riconosciuta con il defunto rende difficoltoso il lavoro del lutto, compromettendo quindi il benessere psico-sociale della persona, a breve e lungo termine.

Ma, come abbiamo visto, a essere private del diritto a un lutto pienamente riconosciuto socialmente non sono solo le relazioni irregolari o segrete. La nostra cultura fatica ad accogliere diversi lutti, che si fondano su legami del tutto “alla luce del sole”, come quello dei nonni con i nipoti o dei genitori con il nascituro. La cultura condiziona, certo, ma la consapevolezza culturale è in grado, seppure lentamente, di cambiare le cose.

Quello che è accaduto col Covid è che tutte le persone in lutto hanno dovuto sostenere la mancanza di condivisione che è solitamente caratteristica dei lutti non riconosciuti. Tutti non hanno potuto dire addio, non hanno potuto organizzare riti, hanno dovuto elaborare la perdita nell’isolamento.
Questa esperienza può forse portarci a ripensare i nostri stereotipi culturali riguardanti il lutto, cercando di esserne consapevoli, e immedesimandoci nel dolore di chi ha perso qualcuno che amava, a prescindere dal ruolo che il defunto aveva nella vita di chi resta.

ARTICOLO TRATTO DA WWW.SIPUODIREMORTE.IT di MARINA SOZZI

di MARINA SOZZI

599

Sicilia, il ricordo di Tusa. “Dall’Etiopia al posto dei resti solo un sacchetto di terra”

A tre mesi dalla scomparsa in un incidente aereo in Etiopia, ieri a Palermo si è tenuta la cerimonia per ricordare Sebastiano Tusa, archeologo di fama e assessore regionale in Sicilia proprio per la tutela dei Beni Culturali.

“In ciascuno di noi domina un sentimento di dolore, di sconforto di impotenza, di rabbia. Avremmo voluto questa cerimonia davanti a una bara sulla quale depositare un fiore. Per questo abbiamo atteso tre mesi, una illusione che abbiamo inseguito tutti. Non sappiamo se quella bara un giorno arriverà o se dovremo accontentarci di ricordare Sebastiano per la sua nobile esistenza”. Così il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, parlando con tono commosso alla cerimonia in ricordo di Sebastiano Tusa, l’archeologo che fu assessore ai Beni culturali morto nel disastro dell’Ethiopian Airlines dello scorso 10 marzo.

Alla cerimonia, a Palazzo d’Orleans, erano presenti la vedova Patrizia Livigni, i figli Vincenzo e Andrea e altri familiari di Sebastiano Tusa, oltre all’intera giunta Musumeci, al presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, al sindaco Leoluca Orlando è a numerosi dirigenti regionali. In cattedrale, prima della cerimonia, c’è stata una messa officiata dall’arcivescovo Corrado Lorefice, anche questa molto partecipata e commossa.

“Solo nella fede in Dio – ha detto l’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice durante la messa – può spiegare l’improvvisa e prematura morte di Sebastiano Tusa. I gesti di bellezza umana che il professore Tusa ha espresso nella sua breve ma meravigliosa permanenza nella casa degli uomini che è la terra – ha proseguito – sono indistruttibili e votati all’eternità. Questa è la consolazione che ci dà la fede e di cui ci parla l’apostolo Paolo: ‘la nostra speranza nei vostri riguardi è salda. sappiamo che come siete partecipi delle sofferenze lo siete anche della consolazione”.

“Sebastiano Tusa era la buona politica, era un ottimo politico perché era straordinariamente umano con tutti i difetti di una persona umana e senza i difetti di quei politici imbiancati che funzionano come i jubox” ha aggiunto il sindaco Leoluca Orlando.

I resti di Tusa sono contenuti in un sacchetto di terra nera. Terra bruciata da quintali di kerosene. Il terriccio di un campo a pochi chilometri da Addis Abeba dove il 10 marzo si schiantò il Boeing 737 Max 8 di Ethiopian Airlines con 157 persone a bordo, compreso Sebastiano Tusa.
Valeria Patrizia Livigni è tornata da Roma con quel sacchetto consegnato alla Farnesina da funzionari commossi.
«Un simbolo. Qualcosa da tenere in mano, in attesa di quanto potrà arrivare solo dopo l’esame del Dna su poveri resti…», sussurra la direttrice del Museo Riso di Palermo che con Tusa ha condiviso vita affettiva e vita lavorativa. Incredula per i ritardi accumulati nelle operazioni sul campo in Etiopia, sul silenzio che avvolge la vicenda, sulle cause del disastro. Adesso turbata da quella consegna, grata all’ufficiale della Guardia di Finanza che l’ha accompagnata ai controlli di Fiumicino per non spiegare cosa fosse quel terriccio raccolto in Etiopia e custodito in borsa….

 

articolo tratto da TP24.it

810

Cremato a Kathmandu, tornano in Italia le spoglie di Simone La Terra

Dopo la cerimonia di cremazione avvenuta domenica 6 maggio a Khatmandu, rientrano in Italia le ceneri dell’alpinista castiglionese.

La tragica scomparsa del noto alpinista italiano Simone La Terra, 36 anni, è avvenuta il 29 aprile, a causa di un incidente sul Dhaulagiri. Oggi rientrano in Italia le ceneri dell’alpinista, portate da Fausto De Stefani. Il noto scalatore, amico di La Terra, è stato presente al funerale svoltosi a Khatmandu in presenza del personale del consolato italiano, e si è offerto di restituirle alla famiglia.

Ad attenderlo la moglie, Paola, che porterà le ceneri a Desenzano per l’ultimo omaggio a Della Terra. La camera mortuaria rimarrà aperta mercoledì e giovedì per tutti coloro che volessero portare il loro ultimo saluto all’alpinista.

Infine, le spoglie verranno spostate fino alla biblioteca comunale di Pozzolengo, paese di residenza, dove venerdì 11 alle ore 16 verrà celebrata un’ulteriore cerimonia di addio per tutti gli amici e i parenti lasciati in Italia.

L’alpinista aveva già conquistato 5 dei 14 ottomila della Terra, a partire dal 2006 aveva raggiunto le vette dello Shisha Pangma, del Broad Peak, del Gasherbrum II, del Cho Oyu e del Manaslu. Un tentativo al Dhaulagiri era stato abbandonato nel 2013, a causa delle avverse condizioni.

A seguito della tragedia i compagni di spedizione hanno annunciato il ritiro dall’impresa, lasceranno nei prossimi giorni il Dhaulagiri per onorare la memoria dell’amico scomparso.

 

articolo tratto da www.montagna.tv