Cimiteri virtuali una nuova forma di ritualità

Cimiteri virtuali una nuova forma di ritualità

1736

Cimiteri virtuali una nuova forma di ritualità

Innovativi e futuristi sono gli attuali percorsi tecnologici e le diverse forme che permettono, attraverso l’utilizzo di specifici canali, l’inserimento del “sacro” e dei “rituali funebri” in molti aspetti della vita quotidiana.

In tal senso trovano identità i “cimiteri virtuali” che esprimono un modo nuovo di dare forma alla ritualità, condivisa e partecipata dalle comunità che navigano all’interno della rete, dove vi è l’opportunità, in siti dedicati, di seppellire e di commemorare persone, animali o addirittura oggetti dei defunti.

Per coloro che non ne hanno mai visitato uno la rappresentazione può risultare improbabile o addirittura stravagante: a differenza di quelli reali i “nuovi cimiteri creati dall’informatica” non si deteriorano con il trascorrere del tempo e possono essere visitati facilmente da chiunque e da qualsiasi punto del mondo.
Accedere ad un cimitero virtuale è molto semplice, senza necessità di alcuna procedura burocratica e tanto meno di alcun certificato medico: l’unica e imprescindibile condizione è quella della perdita del soggetto.

Ciò vale sia per il normale visitatore, sia per chi invece desidera iscrivere solo virtualmente un congiunto o un amico.

La funzione più diretta ed evidente è quella di esprimere la celebrazione di un rituale di sepoltura o di commemorazione. Come nel cimitero reale così in quello virtuale si celebra la morte di un individuo attraverso l’omaggio alla sua memoria.

Nel cimitero virtuale possono essere rese disponibili differenti informazioni sul caro estinto. Se nella realtà le pietre tombali, per evidenti limiti di spazio, riportano solo la data di nascita e di morte con una fotografia e con qualche breve nota sulla vita o sulla personalità del defunto, nel cimitero virtuale invece si costruisce una memoria del defunto ricca di notizie aggiuntive, sempre disponibile e inattaccabile.

Questa modalità corrisponde alla commemorazione, formalmente intesa come l’insieme di tutte le celebrazioni successive a quella del rituale di sepoltura, assumendo per coloro che, utilizzano tali servizi cimiteriali, lo stesso significato e  lo stesso valore di quella compiuta nella realtà.

NO COMMENTS

Leave a Reply