Che cos’è la Messa di riuscita?

Che cos’è la Messa di riuscita?

41

Che cos’è la Messa di riuscita?

di don Antonio Rizzolo

Perché il ricordo del defunto cade nel terzo, settimo e trentesimo giorno?
Gentile direttore, mi ha sempre colpito la dizione “Messa di riuscita”, che si celebra pochi giorni dopo i funerali (a proposito: si dice funerale o funerali?). Storicamente, i parenti del defunto non uscivano di casa dopo il lutto, e questa Messa era una sorta di “via libera”. Ma, oggi, ha ancora senso?
Pina, Avezzano

Non conoscevo questa usanza. Da quanto ho capito, è una Messa di suffragio che si celebra sette giorni dopo le esequie ed è così chiamata perché i parenti, soprattutto le donne, prima non uscivano di casa, in segno di lutto. In realtà, pur nella diversità delle tradizioni, ciò che conta è tenere vivo il nostro legame con i nostri cari defunti. Nel Messale c’è solo l’indicazione per l’anniversario della morte. Tradizionalmente, però, si usa offrire il sacrifico eucaristico anche nei giorni terzo, settimo e trigesimo (cioè trentesimo). Come ricorda il Direttorio su pietà popolare e liturgia (n. 255), “è il modo cristiano di ricordare e prolungare, nel Signore, la comunione con quanti hanno varcato la soglia della morte”.

La Chiesa, inoltre, ricorda i defunti il 2 novembre e ogni giro nella preghiera eucaristica della Messa e nei Vespri. La Messa di suffragio nell’anniversario della morte è per il cristiano il ricordo del dies natalis, il giorno della nascita al Cielo. Il ricordo nel terzo, settimo e trentesimo giorno ha un’origine biblica: Gesù è risorto dopo tre giorni; Giuseppe indisse un lutto di sette giorni per la morte del padre Giacobbe (Genesi 50, 10); Aronne e Mosè furono pianti dal popolo per trenta giorni (Numeri 20,30; Deuteronomio 34,8). Circa i nomi, “funerale” si usa sia al singolare che al plurale; nella liturgia si preferisce “esequie”, che deriva dal latino e significa seguire, accompagnare: indica l’intera comunità che con la preghiera accompagna il defunto all’incontro con il Padre.

articolo tratto da ALETEIA